NEWS - Unione Giuristi Italiani

Vai ai contenuti

NEWS

Appuntamenti settimanali con i nuovi " Caffè Tematici" dell'Unione

Ogni settimana verranno organizzati degli incontri su piattaforma informatica per discutere dei temi di maggior interesse o di attualità.
Per suggerire gli argomenti o per voler ricevere l'invito ogni associato può utilizzare il form di contatto.

Recupero Onorari Avvocati

Rimessa alle Sezioni Unite, attesa la rilevanza, della seguente questione:
 
a) se, nell’attuale quadro normativo, esclusa la possibilità di proporre la domanda in via ordinaria o ai sensi degli artt. 702 bis e ss. c.p.c., resti tuttora impregiudicata la possibilità di chiedere i compensi per attività svolte in più gradi in un unico processo dinanzi al giudice che abbia conosciuto per ultimo della controversia (e quindi- nel caso qui in esame, la Corte di appello di Napoli), dando continuità all’orientamento maggioritario formatosi nel vigore dell’art. 28, L. 794/1942, anche tenendo conto dell’affermata natura non inderogabile della competenza del giudice adito per il processo;
 
b) se, invece, i criteri di competenza per dette controversie vadano ricercati esclusivamente sulla base del coordinamento tra il secondo comma dell’art. 14, D. LGS 150/2011 e l’art. 637 c.p.c., lasciando al ricorrente la sola alternativa di proporre più domande autonome (per i compensi relativi a ciascun grado di causa) dinanzi ai singoli giudici aditi per il processo o di cumularle dinanzi al tribunale competente ex art. 637 c.p.c. (con salvezza del cd. foro del consumatore), restando in ogni caso esclusa la competenza del giudice che abbia conosciuto per ultimo del processo.
 
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Sezione VI Civile, con l’ordinanza interlocutoria del 17 giugno 2019, n. 16212.
Per ogni contributo è possibile interagire nel blog.

Quanto ai riti applicabili deve essere ricordata la Cassazione civile, sez. Unite, Sentenza 23/02/2018 n° 4485
In sintesi a seguito dell'entrata in vigore dell'art. 14 del D. Lgs. n. 150 del 2011, la controversia di cui all'art. 28 della L. n. 794 del 1942, come sostituito dal D. Lgs. citato, può essere introdotta: a) con un ricorso ai sensi dell'art. 702 bis c.p.c., che dà luogo ad un procedimento sommario "speciale" disciplinato dagli artt. 3, 4 e 14 del menzionato D. Lgs.; oppure: b) ai sensi degli artt. 633 segg. c.p.c., fermo restando che la successiva eventuale opposizione deve essere proposta ai sensi dell'art. 702 bis segg. c.p.c.,integrato dalla sopraindicata disciplina speciale e con applicazione degli artt. 648, 649, 653 e 654 c.p.c.
 
E', invece, esclusa la possibilità di introdurre l'azione sia con il rito ordinario di cognizione sia con quello del procedimento sommario ordinario codicistico disciplinato esclusivamente dagli artt. 702 bis e segg. c.p.c.
Assicurazione Professionale Avvocati, ecco come e perché assicurarsi

La famosa manovra di agosto 2011, la legge n. 148 del 2011 ha introdotto molte novità per i professionisti; in particolare poi, per dare piena attuazione alla legge, è stato approvato il Decreto del presidente della Repubblica n. 137 del 7 agosto 2012 che, tra le altre cose, ha stabilito l’obbligo per tutti i professionisti appartenenti a un ordine di stipulare una assicurazione per la responsabilità civile a tutela dei danni derivanti al cliente dall’esercizio della propria attività professionale.Assicurazione che può essere stipulata anche tramite convenzioni collettive negoziate dai consigli nazionali e dagli enti di previdenza dei professionisti, andando a coprire anche attività come la custodia dei documenti e i valori ricevuti dai propri clienti.Tutto il processo di stratificazione della normativa ha portato, per quanto riguarda particolarmente gli avvocati, ad un regime di deroga che ancora adesso non ha fissato i termini per l’obbligatorietà di tale assicurazione.Certo è che nel momento in cui il Ministero della Giustizia, sentito il Consiglio Nazionale Forense, determinerà le condizioni essenziali ed i massimali minimi di polizza, come previsto dalla legge di riforma dell’ordinamento della professione forense, verranno fissati anche i termini per l’obbligatorietà. Cosa, questa che accadrà quanto prima.Entro quella data, dunque, è bene che tutti gli avvocati, sia indipendenti che in studi associati, sappiano farsi trovare preparati, conoscendo bene tutte le condizioni per poter stipulare una polizza assicurativa.
Chi deve sottoscrivere la polizza?
Innanzitutto, la polizza può essere sottoscritta sia dal singolo avvocato che dallo studio associato anche tramite convenzioni collettive dei consigli nazionali e degli enti di previdenza. Va sottolineato che alcune compagnie assicurative hanno stipulato convenzioni e protocolli di intesa con il Consiglio nazionale forense o con altre associazioni forensi che permettono di avere polizze a prezzi scontati.
Quali coperture
L’assicurazione copre i danni che può comportare lo svolgimento della professione forense, compresi appunto sia la conservazione dei documenti che dei beni come somme di denaro, titoli o valori di altro genere ricevuti in custodia dall’avvocato.Non sono invece coperti dalla polizza tutti i fatti accaduti precedentemente alla data di sottoscrizione della polizza, né quelli commessi in maniera dolosa da parte del professionista assicurato.Non vengono inoltre coperti i danni se l’assicurato è stato sospeso dall’albo (peggio ancora se cancellato o revocato) e se il fatto denunciato era già conosciuto prima di stipulare l’assicurazione.
Informazione al cliente
L’assicurazione copre i danni che può comportare lo svolgimento della professione forense, compresi appunto sia la conservazione dei documenti che dei beni come somme di denaro, titoli o valori di altro genere ricevuti in custodia dall’avvocato.Non sono invece coperti dalla polizza tutti i fatti accaduti precedentemente alla data di sottoscrizione della polizza, né quelli commessi in maniera dolosa da parte del professionista assicurato.Non vengono inoltre coperti i danni se l’assicurato è stato sospeso dall’albo (peggio ancora se cancellato o revocato) e se il fatto denunciato era già conosciuto prima di stipulare l’assicurazione.
Retroattività
Prima di stipulare un’assicurazione è bene anche sapere che alcune assicurazioni possono essere retroattive. La polizza infatti può essere sottoscritta a regime claims made, a richiesta fatta, ossia con retroattività per le richieste di risarcimento dei fatti commessi precedentemente la stipula della polizza a patto però che la richiesta sia stata fatta nel momento in cui la polizza è in attività. Le clausole claims made, sono praticamente presenti in tutte le polizze per la responsabilità professionale e determinano uno spostamento del rischio dall’evento di danno alla denuncia di questo e garantiscono il professionista per eventi dannosi che si sono verificati anche a sua insaputa prima della conclusione del contratto.Vi è poi la polizza a regime loss occurrence, ad insorgenza del danno, che consiste nel far riferimento alla data di insorgenza del danno per determinare se è in copertura: nel caso ad esempio in cui sia precedente alla data della stipula della polizza, non è in copertura.
Informazione al cliente
Ogni avvocato è tenuto a rendere noti al proprio cliente gli estremi della propria polizza assicurativa, così come è obbligato a comunicarli al proprio Consiglio dell’Ordine.Nel caso in cui si abbiano dipendenti, vi sarà anche l’obbligo di stipulare un’assicurazione per coprire gli infortuni anche per i propri dipendenti durante lo svolgimento delle attività inerenti la professione, compresi quelli fuori dallo studio legale come tribunali o strutture dove incontrare i clienti.
Consigli pratici
Ci sono poi dei consigli molto pratici ma basilari, prima di stipulare una polizza assicurativa sulla vostra attività forense, perché purtroppo alcune insidie a volte si nascondono tra le evidenze.
  • Leggere molto attentamente il questionario. Allegato a tutta la documentazione della polizza vi verrà dato anche un questionario, che dovrete leggere attentamente e compilare in modo altrettanto accurato, inserendo tutte le informazioni corrette. Questo perché se alcune dichiarazioni non risulteranno vere, al momento della richiesta di risarcimento, o nel momento in cui andrete ad aprire una pratica, la compagnia potrebbe poi negarvi il risarcimento.
  • La scelta del massimale. Un altro passaggio delicato e molto importante è quello della scelta del massimale, ossia del massimo esborso da parte della compagnia assicurativa. Le fasce di massimale in genere vanno dai 250 mila euro in su e ovviamente più il massimale sarà alto, più la polizza sarà costosa, ma proprio per questo la cifra va scelta con molta ponderazione, valutando il “valore” dei casi gestiti e i potenziali rischi professionali.
  • La scelta della franchigia. Anche per la franchigia va fatta la stessa valutazione che si fa nel caso della scelta del massimale. La franchigia è l’importo che in caso di sinistro rimane a carico del professionista assicurato. Come nel caso del massimale, anche la franchigia incide molto sul prezzo dell’assicurazione, seppure nel senso inverso: in questo caso infatti più alta è la cifra scelta per la franchigia, più basso sarà il costo della polizza. Ma anche in questo caso si dovrà fare una attenta valutazione dei casi gestiti da voi o dal vostro studio.Infine, un ultimo consiglio, che all’apparenza può sembrare il più inutile e banale fra tutti, ma non lo è, perché dare per scontate questioni basilari è lo sbaglio più grande che un professionista possa fare.Prima di sottoscrivere una qualsiasi polizza è sempre fondamentale leggere il fascicolo informativo e tutte le relative condizioni di polizza, comprese soprattutto le esclusioni e le attività coperte da questa.

Assemblea dei Soci

Si avvisano i signori soci che il prossimo giorno 1 del mese di aprile alle ore 18.30 si terrà l'assemblea dei soci dell'Unione Giurisati Italiani presso la sede legale a Roma in Via Carlo Poma n. 4.
L'ordine del giorno sarà il seguente:
1) Ratifica delle decisioni del Consiglio Direttivo
2) Approvazione Bilancio Consuntivo 2019
3) Approvazione Bilancio Preventivo 2020
3) Varie ed eventuali
Chi non potesse partecipare personalmente potrà delegare altro socio a rappresentarlo con delega sottoscritta in originale da consegnare al Presidente.

Venerdì 14 dicembre 2012

L'unione Giuristi italiani ha partecipato alla presentazione dell' ultimo saggio del dott. Luigi Gentili  "Lo shock politico" - Reggere il confronto con l’economia - edito dalla Rubbettino

ROMA – Giovedì 13 dicembre alle ore 18.00 si è tenuto presso la sede del Centro Studi Parlamentare in Via del Caravita 5 una conferenza stampa rivolta esclusivamente a giornalisti e redattori, in cui è stato presentato "Lo Shock Politico - Reggere il Confronto con l’Economia", l’ultimo lavoro editoriale di Luigi Gentili, sociologo, saggista e docente di management.

E' possibile acquistare l'opera cliccando sull'immaggine a sinistra


Venerdì 7 dicembre 2012, ore 15:00

presso la Sala Europa della Corte d'Appello di Roma
L'Unione Giuristi Italiani è stata invitata alla
Presentazione della Collana "Lavoro etica e diritto"
Intervengono:
Giorgio SANTACROCE
Presidente della Corte d'Appello di Roma
Edoardo GHERA
Direttore della collana Lavoro etica diritto
Silvano MOFFA
Presidente della XI Commissione (Lavoro pubblico e privato)
Camera dei deputati
Lorenzo FANTINI
Direzione Generale delle relazioni industriali e dei rapporti di lavoro Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Saranno presenti gli autori e l'editore
Paolo ARBARELLO
Stefano FERRACUTI
Fabio Massimo GALLO
Lugi IAVARONE
Gioacchino ONORATI





Apia - Associazione amicizia parlamentare Italia-Argentina

CONVEGNO NAZIONALE

"L'INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PMI"
Una risposta strategica alla crisi
Martedì 23 Ottobre 2012 ore 15,00 - Camera dei Deputati - Palazzo Marini - Sala delle Colonne - Via Poli 18 - ROMA

Apia - Associazione amicizia parlamentare Italia-Argentina, in collaborazione con U.G.I. Aikal-Airic-Aniu- Asseprim--Assimpresa-Compie- Confimea-Cpm Consulting-Fhc- Hugowiz-Iecsme - Jd Group-Innovation Marketing- Sercam- UniCam- Unikey Ltd-Wylford Consortium


Via Eustachi Manfredi, 15 - 00197 Roma
Torna ai contenuti