La produzione dei soli referti senza le immagini non basta per ottenere la condanna

Vai ai contenuti

La produzione dei soli referti senza le immagini non basta per ottenere la condanna

Unione Giuristi Italiani
Pubblicato da Giorgio Muccio in Sanità · 12 Giugno 2018
Con la pronuncia del 28 febbraio 2018 il Giudice Unico Vittoria Amirante, della XIII del Tribunale Civile di Roma, ha ritenuto che l’attrice, la quale aveva prodotto i soli referti senza i relativi radiogrammi, non abbia assolto all’onere probatorio gravante sul paziente danneggiato.
Con la pronuncia n. 4296/2018, il giudice ha dunque ritenuto che sebbene i referti prodotti sono e restano pur sempre atti pubblici fidefacienti, mancano, tuttavia, i documenti iconografici essenziali per stabilire se l'addebito di colpa ai radiologi sia fondato oppure no. Infatti, soltanto dal confronto tra immagine radiografica e referto sarebbe stato possibile accertare la fondatezza delle allegazioni attoree in ordine all'errore o all'omissione diagnostica.
Si tratta, in sintesi, di fatti principali costitutivi del diritto fatto valere.



0
recensioni
Via Eustachi Manfredi, 15 - 00197 Roma
Torna ai contenuti